Avvocato Digitale i 10 consigli per gestire al meglio lo studio

Una nuova figura come l'avvocato digitale si sta facendo sempre più strada nel mondo della giurisprudenza 2.0. Si tratta dell'ultima frontiera della consulenza legale, un valore aggiunto a quella tradizionale riguardo alla fruizione delle conoscenze e al ritorno in termini di clienti.

Ritagliarsi un posto online in questo settore è la nuova sfida degli avvocati di ultima generazione. Ecco allora 10 consigli per chi vuole diventare un avvocato digitale e su come gestire al meglio il proprio studio.

1) Avere un sito web dello studio

Il primo passo per diventare un avvocato digitale è quello di aprire un sito web con dei contenuti di qualità. Sarebbe auspicabile avere una buona conoscenza della Seo e di come indicizzare il proprio sito nella Serp di Google. L’obiettivo infatti è quello di conquistare i potenziali clienti e farsi trovare velocemente e questo avviene soltanto quando il marketing digitale è di livello professionale.

2) Frequentare corsi, seminari e master di digital marketing

Per essere un avvocato digitale e gestire al meglio il proprio studio è certamente utile frequentare dei corsi di digital marketing. Quello che deve essere ben chiaro nel mondo del web è che il valore viene dalla condivisione delle conoscenze ed è questo l’aggancio che porta i visitatori a divenire clienti. Il digital marketing può aiutare in tal senso per imparare un linguaggio nuovo, i tempi di comunicazione, le parole giuste da utilizzare, il ritmo con cui pubblicare i contenuti, che siano scritti oppure in video. Con questi ultimi si può allargare il proprio pubblico mostrando le competenze acquisite, la propria specializzazione.

3) Scegliere la propria nicchia di mercato

Un avvocato digitale per avere successo deve scegliere la propria nicchia di mercato, cioè l’ambito della giurisprudenza che conosce meglio e nel quale ha maturato esperienza e conoscenza profonda. Quello che riscuote successo è la competenza specifica, cioè dimostrare di avere un tale dimestichezza in un certo ambito da ottenere la fidelizzazione dei clienti.

4) Scegliere il target

Nel mondo di internet il successo è dato anche dalla chiarezza nello scegliere il target a cui indirizzare i propri contenuti. In questo senso è la comunicazione che va continuamente aggiornata, perché il mondo del digital marketing è in continua evoluzione e bisogna stare al passo, senza farsi mai trovare impreparati. Al target è legata anche la scelta di dove pubblicare i propri contenuti, quindi sul proprio sito web, su Youtube, sui vari social network, alcuni dei quali specializzati appunto nel mondo del lavoro, come LinkedIn.

5) Offrire la propria consulenza gratuitamente

Nella gestione dello studio di un avvocato digitale si potrebbe fare l’errore di pensare che operare sul web significa pubblicizzare se stessi in modo diretto, quindi parlando dello studio e invitando esplicitamente ad essere scelti.
Non è così. In realtà quello che l’avvocato digitale fa per costruire la sua reputazione online è offrire le consulenze gratuitamente. Trattare un determinato argomento in video o per iscritto e dimostrare la propria preparazione attrae potenziali clienti. È qui che si mette in moto una metodologia di “conquista” del proprio campo. In questo frangente il passa parola digitale fa il resto, aumentando l’apprezzamento del proprio lavoro.

6) Approccio classico VS approccio digitale al cliente

Per affermarsi come avvocato digitale non bisogna trascurare l’approccio classico al cliente. In altre parole bisogna ampliare i contatti, quindi fare vita mondana, ma di stampo prettamente lavorativo. Al limite si può anche promuovere qualche collega già affermato e con un buon bacino di contatti, che ovviamente si occupa di un ambito diverso dal vostro. In tal modo è facile che il favore venga ricambiato, soprattutto quando gli arriveranno clienti raccomandati proprio da voi. Infine c’è il passaparola, mutuato da una tradizione molto radicata in Italia che tuttavia si deve tradurre sui social. Ecco perché per gestire al meglio lo studio di un avvocato digitale è bene aprire sempre delle pagine social, rigorosamente gestite in modo professionale.

7) Creare una mailing list

Un avvocato digitale deve creare e aggiornare continuamente la sua mailing list, perché è uno dei modi migliori di fidelizzare e farsi “ricordare”, sia dai propri clienti che da quelli in cerca di un legale del settore.
È sempre utile proporre i propri servizi, che nel tempo si possono estendere e arricchire, in modo da offrire una consulenza completa e che soddisfi a pieno le aspettative.

8) Esperti di digital marketing

Il successo dello studio di un avvocato digitale può dipendere anche dall’affiancamento di esperti in digital marketing e vendita di servizi online. Una promozione mirata, un piano di pubblicazione dei contenuti e la conoscenza di nuove tendenze in fatto di produzione di video e content marketing è sempre utile per rendere prolifera e dinamica la vostra attività.

9) Scrivere su quotidiani locali online

Non si contano ormai le testate giornalistiche online locali e sarebbe una buona idea proporsi per scrivere su una rubrica, in modo da ampliare il portfolio clienti.

10) No all’abitudine

L’avvocato digitale non può abbandonarsi all’abitudine, quindi qualsiasi contenuto va aggiornato, diversificato e non deve mai essere ripetuto a una distanza di tempo troppo ravvicinata.

L’avvocato digitale può considerarsi la figura legale del futuro, per questo è bene allinearsi subito alle esigenze dei clienti in continua evoluzione.

Ti è piaciuto? Condividi questo articolo.

Lascia un commento

AvvoItalia

Crea in pochi minuti una pagina interamente dedicata alla tua attività ed al tuo Studio Legale, scopri come raggiungere nuovi clienti e costruire la tua reputazione online.

Scopri di più >

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter di AvvoItalia per ricevere news, articoli interessanti e informazioni utili in ambito legale.

Articoli recenti

Seguici su Facebook